La nuova Dieta Zona

L'evoluzione della  dieta Zona 

Low carb & Chetogenica  

Dieta Zona

Dimagrimento, Salute, Benessere e Performance Sportive.

Benvenuti, siamo il primo sito italiano di consulenza e divulgazione dieta Zona low carb e Chetogenica ben formulata. 
Insegniamo come mangiare per raggiungere i tuoi obiettivi di Salute, Dimagrimento e Performance sportive!
Siamo a Desenzano del Garda e Salò, Brescia.

Stai cercando un cambiamento? Allora contattaci!

Benefici dieta Zona a basso contenuto di carboidrati

- Dimagrimento
- Tonificazione muscolare
- Controllo e Prevenzione Diabete Mellito
- Migliora Colesterolo e Trigliceridi
- Migliora Pressione Arteriosa
- Maggiore Energia e lucidità mentale
- Migliora Performance Sportive
- Salute e Longevità

Dieta Zona

La dieta Zona low carb è l'evoluzione della dieta Zona.

Più semplice e più efficace in termini di Salute, Dimagrimento e Performance Sportive.

Perché dieta Zona low carb?

Dieta Zona

"Ogni cosa può essere migliorata" Clarence W. Barron


Hai provato a perdere peso, hai avuto successo solo temporaneamente per poi riprendere tutti i chili persi ? Probabilmente hai seguito indicazioni sbagliate!
La dieta yo-yo è comune e incredibilmente frustrante. Il tradizionale approccio per dimagrire "mangia di meno, muoviti di più" semplicemente non funziona perché non sei un'equazione matematica. La scienza ha stabilito che l'obesità è determinata da una serie di fattori, inclusi i tuoi geni, i tuoi ormoni e il tuo cervello. Il sovrappeso/obesità non è colpa tua, ma il risultato di cattive indicazioni nutrizionali.
Insieme percorreremo la strada giusta per liberarti definitivamente del grasso in eccesso, migliorando la Salute e il Benessere e le performance psico fisiche.
La dieta è il principale mezzo per mantenersi in Salute e vivere più a lungo. La forma fisica dipende per il 90% dalla nostra alimentazione. Pensare di poter dimagrire puntando solo sull'attività fisica è pura utopia. Il nostro benessere psico-fisico dipende innanzitutto da ciò che mangiamo, questo è un fatto accettato e condiviso da tutta la comunità medico scientifica. Le ultime ricerche evidenziano che un eccessiva assunzione di zuccheri, chiamati tecnicamente carboidrati, è la conseguente iper-insulinemia, rappresenta la principale causa di molte malattie croniche degenerative e dell'Obesità.
L' eccessiva assunzione di zuccheri rappresenta oggi il principale problema correlato alla Salute nei paesi industrializzati. Oggi molte persone consumano troppi zuccheri perché sono presenti in tutti gli alimenti lavorati/raffinati, ossia pane, pasta, pizza, riso, dolci, biscotti, brioche, gelati, cerali da colazione, succhi di frutta, yogurt, caramelle, cioccolata, bibite gassate, integratori, legumi, ecc, ecc, la lista continua ed è lunghissima. Pertanto l'assunzione è spesso inconsapevole, ma anche quando si ha conoscenza di questa informazione è difficile limitarne il consumo perché lo zucchero crea dipendenza, ossia più ne mangiamo, più li desideriamo, e più difficile farne a meno. Certamente un affare per chi li produce, infatti nel 2020 il guadagno delle aziende che vendono farinacei e derivati (biscotti, brioche, cioccolata lavorata, dolci, pasta, riso, pane, ecc) è aumentato, mentre una débâcle per la salute di bambini, giovani, adulti e anziani, e per il sistema sanitario.

Come capire se stiamo eccedendo nell'assunzione di zuccheri? Il primo segno tangibile è il sovrappeso/obesità e la ritenzione idrica.

"L'obesità è la risposta fisiologica dell’organismo ad una eccessiva assunzione di carboidrati nella dieta”.

Sovrappeso e obesità sono la diretta conseguenza di un alterata produzione e funzionamento dell’ormone Insulina: Insulino resistenza.

L’insulino resistenza è direttamente correlata all'insorgenza di numerose malattie metaboliche croniche infiammatorie, come la Sindrome Metabolica, le Malattie Cardiovascolari, le Malattie Neurodegenerative, i Tumori, le malattie Autoimmuni, Malattie della Pelle, ecc.

La dieta zona low carb, riduce l'assunzione di zuccheri, privilegiando le fonti alimentari migliori, quali le verdure e la frutta, con l'obiettivo di evitare iperglicemia e migliorare la secrezione e la sensibilità dell'ormone insulina. Questo si traduce in dimagrimento, salute, energia e migliori performance psico fisiche.

Come possiamo aiutarti

Salute e Benessere

Created with Sketch.
Dieta zona low carb

Sebbene la riduzione del grasso corporeo in eccesso rappresenti spesso il motivo principale per il quale le persone decidono di seguire la dieta Zona low carb, dimagrire è solo uno dei suoi innumerevoli benefici. La dieta zona low carb è soprattutto un alimentazione Anti Infiammatoria, ideale per prevenire e contrastare le malattie metaboliche croniche, come quelle Cardiovascolari e il Diabete Mellito, oltre ad essere uno strumento straordinario per liberarsi definitivamente dal grasso corporeo in eccesso, per migliorare le performance psico fisiche degli atleti e per contrastare numerose altre malattie croniche infiammatorie, quali le MICI (Malattie Infiammatorie Croniche infiammatorie), ossia Morbo di Crohn e Rettocolite Ulcerosa, malattie autoimmuni quali le Tiroiditi, le malattie neurodegenerative, come la malattia di Alzheimer, il morbo di Parkinson, ecc.
La Zona low carb rappresenta la migliore dieta per mantenersi in salute e può essere parte integrante di qualsiasi piano terapeutico nel caso in cui si è affetti da una malattia cronica infiammatoria degenerativa.

Dimagrimento

Created with Sketch.
Dieta zona low carb


"L'obesità è semplicemente una risposta fisiologica all'eccesso di carboidrati nella dieta."
La dieta Zona low carb consente di dimagrire in modo facile, veloce e duraturo.
Dimagrire non è solo una questione di calorie ingerite/calorie utilizzate. Il concetto che “una caloria è una caloria” anche se valido da un punto di vista termodinamico, si è dimostrato essere poco efficace ai fini del dimagrimento.
Questo perché le calorie contano, ma non sono l’unico fattore da considerare per la riduzione del grasso corporeo.
Ciò che invece è essenziale per ridurre il grasso corporeo in eccesso, salvaguardando massa e tono muscolare, è l’impatto funzionale dei tre macronutrienti - proteine, carboidrati e grassi - da cui derivano le calorie.
Questo aspetto è molto importante perché proteine, carboidrati e grassi, una volta ingeriti e assorbiti, hanno diverse funzioni e provocano una diversa produzione ormonale che è alla base del metabolismo lipidico.
Un eccessiva assunzione di carboidrati, chiamati anche zuccheri, perfino in un quadro di ridotta assunzione calorica, causa un eccessiva secrezione di insulina con conseguente produzione e accumulo di grasso corporeo. Ecco perché spesso non si dimagrisce nonostante un ridotta assunzione di calorie.
La dieta Zona low carb prevede una moderata assunzione di carboidrati di elevata qualità nutrizionale, questo consente di controllare i livelli di insulina e utilizzare i grassi come carburante principali per funzionamento dell’organismo. Si diventa delle vere “macchine” brucia grassi 24 ore su 24.
Inoltre un adeguata assunzione di proteine, consente di salvaguardare e tonificare la muscolatura, importante per forma ed efficenza fisica. La Zona low carb, consente di dimagrire in modo facile e definitivo, salvaguardando la preziosissima massa muscolare, mangiando in modo sano, naturale e gustoso.

Performance Sportive

Created with Sketch.
Dieta a Zona Brescia

La Dieta è un elemento fondamentale per raggiungere performance sportive di elevato livello. La percentuale dei tre macronutrienti determina il tipo di carburante che il corpo utilizza durante l'esercizio. Gli ultimi studi in campo medico sportivo suggeriscono che una dieta low carb, ossia a basso contenuto di carboidrati, ben formulata, favorisce cambiamenti metabolici che aumentano la capacità del corpo di bruciare i grassi per produrre energia.

La dieta Zona low carb è oggi la migliore strategia nutrizionale per migliorare le performance sportive ad ogni livello, perché fornisce la giusta quantità di macro e micro nutrienti e controlla al meglio l’assetto ormonale dell’organismo.
Queste condizioni metaboliche consentono di avere più energia grazie ad una migliorare capacità dell'utilizzo dei grassi, di migliorare la lucidità mentale, di migliorare la trasmissione nervosa, di aumentare la resistenza aerobica, di migliore la circolazione sanguigna, di migliore la ventilazione polmonare, di migliore il VO2 max (massimo volume di ossigeno consumato per minuto), di raggiungere la percentuale ideale di grasso corporeo, di regolarizzare e ottimizzare la secrezione ormonale, di aumentare la massa muscolare, di limitare il catabolismo muscolare, di ridurre la produzione di radicali liberi, di ridurre il tempo di recupero fisico.
La dieta Zona low carb consente di ottenere il massimo dal proprio potenziale genetico!

Diabete Mellito

Created with Sketch.
Dieta zona low carb

Il Diabete Mellito è una malattie caratterizzata da elevati livelli di glicemia. Il primo fattore che determina i livelli di glicemia è la nostra alimentazione, pertanto la prima cosa da fare è ridurre drasticamente l'assunzione di alimenti che contengono zuccheri.
Il Diabete Mellito tipo 2 è quello più diffuso, 90% dei casi, in costante ascesa, ed è causato da una Dieta sbagliata, in altri termini scaturisce totalmente dallo stile di vita. 
La Dieta deve rappresentare il principale strumento per controllare i livelli di glicemie e quindi prevenire, contrastare e curare il Diabete Mellito di tipo 2. Anche nel caso del Diabete Mellito di tipo 1 può aiutare a ridurre le unità di insulina e quindi prevenire l’insulinoresistenza e tutto ciò che ne consegue, ossia sovrappeso, obesità, dislipidemie, ipertensione, ecc.
La dieta Zona a basso contenuto di carboidrati (low carb) è la strategia nutrizionale ideale per controllare la glicemia e migliorare l' insulino resistenza che sono causa del diabete mellito e delle sue nefaste complicanze. 

In passato, si pensava che il diabete di tipo 2 fosse una malattia cronica degenerativa senza alcuna speranza di regresso o remissione, le attuali conoscenze mediche nutrizionali dicono che le persone con diabete di tipo 2 possono sperare di ritrovare la salute! Oggi sappiamo che i tratti distintivi del diabete di tipo 2 - glicemia alta e insulina alta - possono essere invertiti con una dieta a bassissimo contenuto di carboidrati. Le persone con una diagnosi di diabete di tipo 2 possono avere una vita lunga e sana, senza le complicanze nefaste del diabete mellito.

Se stai assumendo farmaci per il diabete o per altre condizioni, consulta sempre il tuo medico prima di iniziare qualsiasi cambiamento nello stile di vita e della dieta a basso contenuto di carboidrati, in modo da rimodulare la terapia farmacologica man mano che i livelli di zucchero nel sangue migliorano.

Longevità

Created with Sketch.
Dieta Zona low carb

Tutti sogniamo l’immortalità, o almeno di vivere più a lungo.
Purtroppo nessuno potrà mai diventare immortale, ma una dieta moderata e di qualità può realmente rallentare il processo dell’invecchiamento e aiutarci a ivere più a lungo e in salute.
La Zona low carb è la dieta ideale per la longevità.
Questo innanzitutto perché prevede una più moderata assunzione di calorie. La restrizione calorica "intelligente" è l'unica strategia nutrizionale scientificamente provata che favorisce la Longevità in Salute. Ossia vivere più a lungo in assenza di malattia.
Restrizione calorica "intelligente" significa mangiare meno, ma garantire egualmente all'organismo umano tutti i nutrienti per un ottimale funzionamento e preservare la muscolatura.
E' importante sottolineare questo aspetto perché spesso quando si mangia meno, si corre il rischio di andare incontro a carenze macro e micro nutrizionali, che sono causa di perdita della massa muscolare e sindromi da carenza di micronutrienti, vanificando i benefici della restrizione calorica trasformandola in malnutrizione proteico/energetica.
Sana, naturale, senza controindicazioni, la strategia nutrizionale la dieta Zona low carb ben formulata vi aiuterà a rimanere giovani e in forma.

Sindrome Ovaio Policistico

Created with Sketch.
Dieta zona low carb

La PCOS (sindrome dell'ovaio policistico) è diventata la principale causa di infertilità femminile, crescendo insieme con l'epidemia di obesità. 

Oltre a interferire con l'ovulazione e causare periodi di amenorrea, la PCOS è associata a:
Obesità centrale
Diabete di tipo 2
Irsutismo (eccesso di peli pubici e facciali)
Calvizie maschile
Acne

La PCOS è strettamente correlata al diabete di tipo 2, pertanto allo stesso modo in cui una dieta salutare a basso contenuto di carboidrati può essere usata per trattare il diabete di tipo 2, può anche essere usata per trattare la PCOS, usando il cibo come medicina naturale.


Salute della pelle


Created with Sketch.
Dieta zona low carb

La dieta incide in modo diretto sulla salute della pelle. Acne, Psoriasi, Dermatite Seborroica, etc, sono tutte problematiche che possono essere prevenute e migliorate attraverso un alimentazione a basso contenuto di carboidrati e di elevata qualità nutrizionale. Ricordiamoci sempre che noi siamo quello che mangiamo, e la pelle rappresenta la massima espressione della salute dell'organismo.


Benefici dieta Zona low carb

Immediati dopo solo 7 giorni

Created with Sketch.
Dieta zona brescia

Maggiore lucidità mentale

Mantenendo il livello degli zuccheri nel sangue stabile per tutta la giornata, il cervello riceve energia in modo regolare. Avrete una migliore capacità di concentrazione, e non soffrirete di quell’annebbiamento mentale che sopravviene due o tre ore dopo un pasto troppo ricco di carboidrati. Vi sentirete più freschi di mattina, e più ricchi di energia per tutto il giorno. La sonnolenza pomeridiana sparirà e cosi puro la continua voglia di mangiare cibi dolci.

Maggiore energia e Migliori performance fisiche

Stabilizzando i livelli di insulina, sarete in grado di utilizzare i grassi immagazzinati nei tessuti adiposi come fonte di energia in pratica illimitata per tutto il giorno, con il risultato di un miglioramento eccezionale delle prestazioni fisiche.
 

Meno voglia di dolci 

Il continuo desiderio di mangiare dolci è la diretta conseguenza di una cattiva modulazione ormonale da parte del vostro ultimo pasto. Una volta imparato a preparare pasti pro Paleo low carb, la causa che sta alla radice del desiderio di cibi dolci scomparirà. Inoltre non vi sentirete continuamente affamati poiché i livelli ematici di zucchero saranno stabilizzati tra un pasto e l’altro.

Migliore aspetto fisico

Il miglioramento della composizione corporea - meno massa grassa, meno ritenzione idrica e più massa muscolare- conferiscono un aspetto più tonico e atletico al vostro corpo.
Si avrà una progressiva riduzione del grasso corporeo in eccesso.
Si possono perdere circa 2,5 kili durante la prima settimana di dieta zona ( 450-650 g di grasso e 1 –1.5 kili di ritenzione idrica). È l’eccesso di Insulina la causa # 1 dell’ obesità e della ritenzione idrica. È la dieta zona controlla i livelli di insulina.

Migliore umore

Smetterete di essere lunatici o di avere sbalzi di umore tra i pasti, poiché non patirete più quegli abbassamenti di zucchero nel sangue che vi rendono stanchi, affamati e irritabili. In generale vi sentirete in equilibrio, segno che lo sono anche i vostri ormoni e di conseguenza il vostro organismo.


A lungo termine

Created with Sketch.
Dieta Zona Brescia

Perdita definitiva del grasso corporeo in eccesso

L’unico modo per ridurre il grasso corporeo è controllare i livelli di insulina. Con la dieta Zona low carb si eliminerà in modo definitivo tutto il grasso superfluo non necessario al tuo corpo. Molte persone, utilizzando la nostra strategia nutrizionale hanno perso 10, 20, o in alcuni casi più di 50 chili, ma più importante, non li hanno mai più ripresi.

Prevenzione e Gestione Diabete Mellito tipo 2

In questo tipo di diabete (che rappresenta circa il 90% dei casi) la persona produce troppa Insulina, che danneggia la salute dei tessuti e degli organi del corpo. Studi clinici hanno dimostrato che la dieta zona low carb abbassa i livelli di insulina nel giro di  pochi giorni.

Riduzione del rischio di patologie cardiache

Abbassando i livelli di insulina il rischio di sviluppare patologie cardiache si riduce enormemente.
È il risultato di uno studio riportato sul Journal of the American Medical Association, che ha dimostrato che i livelli di insulina sono di gran lunga più precisi di qualsiasi altro indicatore, nel prevedere l’insorgenza di malattie cardiache, come mostra il grafico sotto riportato.

Riduzione del rischi di artriti e osteoporosi

Abbassando i livelli dell’insulina è possibile diminuire l’infiammazione dei tessuti, poiché diminuisce la produzione degli ormoni Eicosanoidi cattivi che favoriscono l’insorgenza delle infiammazione e del dolore.  Si attenua in questo modo il dolore e l’infiammazione associate all’artrite. Ricerche scientifiche hanno dimostrato che un adeguata assunzione di proteine- come è prevista dalla Dieta Zona low carb- diminuisce la percentuale di fratture del femore nelle donne in menopausa.

Riduzione dei rischi di sviluppare tumori

Un grande numero di studi hanno dimostrato il rapporto tra alti livelli di insulina e un maggior rischio di cancro al seno.Lo conferma una recente ricerca effettuata presso la Harvard Medical School i cui risultati provano che più proteine e meno carboidrati mangia una donna, maggiori sono le probabilità di sopravvivenza dopo un’operazione per asportazione di un cancro al seno.

Maggiore protezione contro le infezioni

Un adeguato consumo di proteine, assicura un buon funzionamento del Sistema Immunitario, il meccanismo di difesa naturale contro le malattie. Molte persone che seguono una dieta ad alto contenuto di carboidrati hanno il Sistema Immunitario depresso. Sono più suscettibili a infezioni a causa di eccessivi livelli di insulina. Hanno inoltre una maggior probabilità di contrarre malattie serie (per non parlare di raffreddori e influenza) rispetto a chi assume adeguate quantità di Proteine durante il giorno.


Dieta Zona low carb 

L'evoluzione della Dieta Zona,

più semplice e più efficace.

Dimagrimento, Salute e Benessere.

Alla portata di tutti!

Dieta Zona

Dieta Zona low carb

Dieta low carb


La dieta low carb ben formulata è il valore aggiunto della nostra strategia nutrizionale che prevede una ridotta assunzione di zuccheri, privilegiando le fonti alimentari di migliore qualità nutrizionale, questo consente di migliorare i livelli di glicemia, di insulina, ridurre infiammazione, utilizzare il grasso corporeo come fonte principale di energia, rendendo semplice il dimagrimento.

Dieta Chetogenica


La dieta Chetogenica è l'ultima frontiera dell'Alimentazione. Innovativa e naturale, particolarmente indicata per chi ha un elevata resistenza all'insulina, consente di Dimagrire, migliorare la Salute e le Performance Sportive, in modo semplice e veloce.

Dieta Paleo

La dieta Paleo o Paleolitica è l'alimentazione scritta nel nostro DNA. Una strategia nutrizionale che riprende, adattandola ai tempi moderni, l'alimentazione dei nostri lontani antenati. Una dieta basata su cibi naturali, non lavorati, quali carne, pesce, verdura, frutta, bacche, ecc... Un alimentazione più libera dagli orari e quindi più facilmente gestibile per tutti. Le ultime ricerche hanno evidenziato che i primi esseri umani erano carnivori puri, questo significa che mangiavano quasi esclusivamente carne e pesce. https://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/ajpa.24247 

 

Dieta Zona

La dieta Zona è alla base della nostra filosofia nutrizionale. La dieta zona insegna che il cibo è all'origine della nostra salute, benessere e forma fisica. Dalla dieta Zona "prendiamo" il concetto di considerare il cibo come un potente modulatore ormonale. Facendo attenzione a ciò che mangiamo possiamo controllare i nostri ormoni e quindi incidere efficacemente sulla nostra salute. La dieta come stile di vita per Salute, Benessere e Longevità.

Restrizione Calorica e Digiuno Intermittente

Dieta Zona

La dieta Zona low carb

il segreto per Salute e Longevità

Semplice, naturale e alla portata di tutti: mangiare meno e meglio.

L’uomo è da sempre alla ricerca dell’elisir della longevità che gli consenta di vivere più a lungo e possibilmente in Salute.
Questo “miraggio” ha alimentato e alimenta da sempre il grande business di integratori, trattamenti di salute/bellezza e tanto altro, fornendo enormi profitti ai venditori e pochi concreti benefici ai consumatori.
E’ bene sottolineare che ad oggi NON esiste alcuna pillola/trattamento miracoloso, anzi spesso l’utilizzo improprio di integratori può risultare addirittura dannoso per la salute.
Esiste però un modo semplice, economico e alla portata di tutti per rallentare realmente il naturale processo dell’invecchiamento e preservare la salute: la restrizione calorica, ossia mangiare di meno.
La restrizione calorica e il digiuno intermittente (brevi periodi senza mangiare), sono pratiche conosciute da millenni che oggi la medicina moderna sta riscoprendo, documentandone i benefici per diverse malattie croniche degenerative, quali Diabete Mellito, Cardiopatie, Obesità, Alzheimer, Parkinson, Cancro, e si è dimostrato essere in grado di proteggere le cellule dall’invecchiamento.
Mangiare meno, purché in modo intelligente, preferendo alimenti di elevata qualità nutrizionale, riduce i livelli di infiammazione in tutto il corpo, ritarda l’insorgenza di malattie legate all’età e aiuta a vivere più a lungo in salute.
Un recentissimo studio (1) ha scoperto che la risposta infiammatoria durante l’invecchiamento potrebbe essere sistematicamente repressa dalla restrizione calorica, uno degli autori dello studio afferma “Spesso si dice ‘siamo quello che mangiamo’ scopriamo sempre di più che ciò è vero in molti modi, lo stato delle nostre cellule mentre invochiamo dipende chiaramente dalle interazioni con l’ambiente, che include cosa e quanto mangiamo.
In conclusione, il messaggio da recepire è che per mantenersi in salute, controllare il peso corporeo e vivere più a lungo, non è necessario rincorrere/investire in pillole o pratiche “miracolose”, è sufficiente mangiare meno, saltare ogni tanto qualche pasto, e concentrarsi sulla qualità del cibo piuttosto che sulla quantità, ovviamente non improvvisando, ma facendosi seguire da professionisti esperti in nutrizione e informando sempre il il medico di famiglia.
1. Caloric Restriction Reprograms the Single-Cell Transcriptional Landscape of Rattus Norvegicus Aging. Cell, 2020; DOI: 10.1016/j.cell.2020.02.008

Dieta Zona

Prima di mangiare, PENSA!
Noi mangiamo per vivere, ma possiamo anche mangiare per vivere meglio e più a lungo.
Facendo le giuste scelte alimentari è possibile evitare alcuni degli acciacchi che noi tutti pensiamo essere inevitabili penalità del diventare vecchi, prevenire l'insorgenza di numerose malattie croniche degenerative, quali Cardiopatie, Diabete Mellito, Parkinson, Alzhaimer, e perfino il 70% di alcune forme tumorali. 
Viceversa facendo cattive scelte alimentari aumentano le probabilità di ammalarsi e si accelera il processo dell'invecchiamento.

Dieta Zona low carb News

I nostri antenati erano predatori e carnivori.

Created with Sketch.
Dieta Paleolitica

In principio gli esseri umani, i primati del genere Homo, erano predatori e carnivori esclusivi. Ha agito così per molto tempo, circa due milioni di anni, e solo dopo, quando sono scomparsi gli animali di taglia molto grande (la cosiddetta megafauna), e le fonti di proteine animali hanno iniziato a non essere più così abbondanti (all’incirca alla fine dell’età della pietra), l’uomo ha gradualmente iniziato a nutrirsi di vegetali e, con il tempo, ad addomesticare le stesse piante e gli animali di cui si sarebbe cibato. Questo è quanto hanno dedotto i ricercatori delle Università di Tel Aviv, in Israele, e di Minho, in Portogallo.
https://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/ajpa.24247


La Dieta chetogenica è consigliata per Obesità.

Created with Sketch.
Dieta Zona

Le linee guida europee per l'obesità approvano come sicura ed efficace l'utilizzo dieta a bassissimo contenuto di carboidrati.

Dopo un'attenta revisione sistematica e meta-analisi delle prove attuali, e considerando i potenziali effetti collaterali, la VLCKD può essere raccomandata come trattamento dietetico efficace per gli individui con obesità, in particolare per i pazienti con obesità grave e / o comorbidità (malattie articolari, periodo preoperatorio di chirurgia bariatrica e malattie cardiovascolari e metaboliche) che necessitano di una perdita di peso immediata e sostanziale. Pertanto, VLCKD può essere prescritto per una specifica popolazione di pazienti con obesità dopo aver considerato le potenziali controindicazioni e sotto sorveglianza medica. Tuttavia, è importante personalizzare la dieta, in base alle preferenze del paziente, consentendo scelte alimentari all'interno del protocollo VLCKD.

Come si evince da questo articolo, "qualcosa si muove"

basta informarsi e andare oltre tutto ciò che viene propinato da industria alimentare.

Fonte

https://www.karger.com/Article/FullText/515381


Impatto negativo del cibo spazzatura sullo sviluppo scheletrico dei bambini.

Created with Sketch.
Dieta Zona

Un team di ricercatori dell'Università Ebraica di Gerusalemme ha dimostrato i legami tra alimenti ultra-elaborati e ridotta qualità delle ossa, svelando il danno di questi alimenti in particolare per i bambini più piccoli nei loro anni di sviluppo. Anche se riduciamo i grassi, i carboidrati, i nitrati e altre sostanze nocive note, questi alimenti possiedono ancora le loro proprietà dannose. Ogni parte del corpo è soggetta a questo danno e certamente quei sistemi che rimangono nelle fasi critiche di sviluppo.
Fonte

Zaretsky, J., Griess-Fishheimer, S., Carmi, A.  et al.  Il cibo ultra-elaborato mira alla qualità dell'osso tramite l'ossificazione endocondrale . Bone Res  9,  14 (2021).

Dieta a basso contenuto di carboidrati ben formulata e prevenzione/gestione diabete tipo 2 

Created with Sketch.
DIETA ZONA

Un nuovo studio ha dimostrato che un alimentazione a basso contenuto di carboidrati, adeguata in proteine e grassi in relazione dati antropometrici soggettivi (ben formulata), consente di ottenere normali livelli di glicemia, e in prospettiva una significativa perdita di peso, suggerendo che questo tipo di strategia nutrizionale rappresenta uno strumento aggiuntivo/alternativo.

Gli autori riferiscono che il 52,3% dei partecipanti ha raggiunto un normale livello di zucchero nel sangue a due anni, inoltre i partecipanti hanno perso 12 chili (11% del loro peso corporeo iniziale) e hanno visto miglioramenti significativi nelle loro lipoproteine ad alta densità (HDL), trigliceridi, funzionalità epatica e livelli di insulina a digiuno.

Questo studio evidenzia che una dieta a basso contenuto di carboidrati - con proteine adeguate - è un'opzione efficace per una notevole perdita di peso e per il trattamento del pre-diabete.

Fonte

Nutrients 2021 , 13 (3), 749; https://doi.org/10.3390/nu13030749


Assunzione alimentare di carne rossa, carne lavorata e pollame e rischio di cancro del colon-retto e mortalità per tutte le cause.

Created with Sketch.

Capita spesso di sentire che l’assunzione di carne è associata a neoplasie intestinali e altre cause di mortalità. Certamente può essere vero quando si mangia carne di scarsa qualità e “bruciata”. Diversamente questo messaggio è “discutibile” in considerazione delle discordanti evidenze medico-scientifiche presenti. 

Difatti, un nuovo studio riporta che non esiste alcuna correlazione significativa tra l'assunzione di carne rossa e lavorata e il rischio di neoplasie del Colon Retto e mortalità per tutte le cause.
 In pratica, mangiare moderate quantità di carne rossa, purché di buona qualità, è consigliato per garantirsi un ottimale assunzione di proteine e micronutrienti, non presenti in altri alimenti. 

Antonio REA www.dietalowcarb.it 

Fonte https://www.mdpi.com/2072-6643/13/1/32 


La dieta cheto migliora la PCOS e la NAFLD meglio della terapia farmacologica.

Created with Sketch.
Dieta Zona

Un nuovo studio pubblicato su Obstetrics and Gynecology Research riporta che una dieta chetogenica migliora i sintomi della sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) e la steatosi epatica non alcolica (NAFLD) meglio dei contraccettivi orali.

Antonio REA
Fonte:
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33462940/


Dieta a basso contenuto di carboidrati e remissione del diabete di tipo 2.

Created with Sketch.
Dieta Zona

Un alimentazione very low carb ben formulata per almeno 6 mesi può portare alla guarigione dal diabete di tipo 2 senza effetti avversi. Studio pubblicato oggi da The BMJ .

Antonio REA
Fonte:
BMJ , 2021; m4743 DOI: 10.1136 / bmj.m4743


Mancanza di associazione tra livelli di colesterolo LDL e mortalità.

Created with Sketch.
Dieta Zona

Un alto LDL-C è inversamente associato alla mortalità nella maggior parte delle persone oltre i 60 anni. Le persone anziane con LDL-C alto vivono più a lungo o più a lungo di quelle con LDL-C basso, questa analisi mette in dubbio la validità dell'ipotesi del colesterolo. Lo studio fornisce il razionale per una rivalutazione delle linee guida che raccomandano la riduzione farmacologica del colesterolo LDL negli anziani come componente delle strategie di prevenzione delle malattie cardiovascolari.

Antonio REA
Fonte:
https://bmjopen.bmj.com/content/6/6/e010401

Diete vegetariane e vegane espongono ad un maggiore rischi di fratture.

Created with Sketch.
Dieta Zona

Chi non mangia carne, in particolare i vegani, hanno un rischio più elevato di fratture, in particolare fratture dell'anca. Questo è il primo studio prospettico di gruppi dietetici con siti di frattura specifici sia totali che multipli in vegetariani e vegani, e i risultati suggeriscono che la salute delle ossa nei vegani è più a rischio.

Antonio REA
Fonte:
Tong, TYN, Appleby, PN, Armstrong, MEG et al. Diete vegetariane e vegane e rischi di fratture totali e sito-specifiche: risultati dello studio prospettico EPIC-Oxford. BMC Med 18, 353 (2020). https://doi.org/10.1186/s12916-020-01815-3

Diabete, già a nove anni:
effetto obesità da lockdown.


Created with Sketch.
Dieta Zona

I danni causati dall’attuale pandemia CoViD-19 vanno ben oltre quanto rappresentato e documentato ogni giorno da giornali e televisioni. Il coranovirus sta letteralmente eclissando altre problematiche sanitarie, peggiorando lo stile di vita di tutta la popolazione, con il risultato che altre malattie sono silenziosamente in ascesa, malattie metaboliche che avranno pesanti ripercussioni negative sulla salute e longevità di tutti, bambini inclusi.

Difatti, in questi giorni è riportato la seguente notizia:

Diabete Mellito tipo 2, già dai nove anni, per effetto dell'obesità. 

Si parte da un dato consolidato: l'obesità nei bambini è in continua ascesa, il particolare momento che stiamo vivendo, lockdown, didattica a distanza, smart-working, ha reso i bambini ancora più “soli” ed esposti a una maggiore quantità di cibo, spesso di scarsa qualità.

E’ necessaria una rapida inversione di tendenza, è necessario porre attenzione alla dieta dei bambini.

La dieta è la causa principale del diabete mellito di tipo 2, una cattiva alimentazione, essere in sovrappeso/obesi, indirizzano verso questa malattia metabolica e le sue nefaste conseguenza.

Un semplice modo per valutare la composizione corporea dei bambini è il seguente: una circonferenza addominale superiore alla metà della propria altezza indica sovrappeso/obesità.

Prima di mangiare pensiamo, pensiamo che il cibo non è solo un piacere, ma anche e soprattutto un potente modulatore della nostra salute.

Antonio REA

Lo stress aumenta il rischio di insorgenza del diabete di tipo 2.


Created with Sketch.
Dieta Zona

Questo studio evidenzia che lo stress percepito risulta essere un forte fattore di rischio "a se stante" per il diabete di tipo 2. Un fattore di rischio di diabete che non è mediato dai tradizionali fattori di rischio, quali ipertensione, attività fisica, fumo, qualità della dieta e indice di massa corporea.

Antonio REA

Fonte

https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0172126

Digiuno intermittente e cancro al seno.


Created with Sketch.
Dieta Zona

Interessante articolo per imparare molto sul ruolo dell'insulina e del glucosio nella crescita del cancro al seno. ... gli estrogeni alimentano la crescita delle cellule tumorali ... l'insulina ha molte interazioni con ... gli estrogeni e il grasso corporeo in eccesso può accelerare la produzione di insulina.

Antonio REA

Fonte

https://www.mskcc.org/news/intermittent-fasting-and-breast-cancer-what-you-need-know

La Dieta Chetogenica migliora la funzione mitocondriale nel muscolo e la salute metabolica.

Created with Sketch.
Dieta chetogenica

La Dieta Chetogenica migliora la funzione mitocondriale nel muscolo e la salute metabolica.

Un nuovo studio evidenzia che una dieta chetogenica combinata con l'esercizio, oltre alla perdita di peso, migliora funzione ed efficienza mitocondriale dei muscoli, un effetto che può contribuire all'uso terapeutico delle diete chetogeniche in varie condizioni cliniche, specialmente quelle associate all'insulino-resistenza.

Antonio REA

Fonte

https://journals.physiology.org/.../ajpendo.00305.2020#

La carne rossa migliora i marker di glucosio e insulina senza effetti negativi sull'infiammazione

Created with Sketch.
Dieta Zona

Contrariamente a quanto ipotizzato, questo studio evidenzia che il consumo totale di carne rossa non influenza i cambiamenti nei biomarcatori del controllo glicemico o dell'infiammazione per gli adulti privi, ma a rischio, di malattie cardiometaboliche. E' una buona notizia che rassicura sull'assunzione di carne rossa di qualità.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32910818/

Settembre 2020 ~ Antonio Rea. 

Troppi carboidrati aumentano il rischio di malattie coronariche.

Created with Sketch.
Dieta Zona

Un'elevata assunzione di carboidrati aumenta i trigliceridi nel sangue, il glucosio e l'insulina; riduce gli HDL; e può aumentare il rischio di malattia coronarica (CHD). Studi epidemiologici indicano che un alto indice glicemico alimentare (GI) e un carico glicemico (GL) sono associati a un aumento del rischio di malattia coronarica. Questo nuovo studio Aumenta il livello di zucchero nel sangue, ostruisci le arterie.
Le diete ad alto contenuto di carboidrati che aumentano la glicemia aumentano il rischio di malattia coronarica.
https://academic.oup.com/ajcn/article-abstract/112/3/631/5867029?redirectedFrom=fulltext

Settembre 2020 ~ Antonio Rea. 

Dieta low carb e CoViD-19

Created with Sketch.
Dieta chetogenica

La restrizione dell’assunzione dei carboidrati o zuccheri, potrebbe risultare promettente, poiché consentirebbe di controllare e limitare la produzione delle citochine.

All’Ospedale Policlinico San Martino di Genova è in corso un trial per capire se una dieta chetogenica (un regime alimentare a basso contenuto di carboidrati e alto contenuto di lipidi) in pazienti affetti da Coronavirus possa contribuire alla riduzione della mortalità e della necessità di ricovero in terapia intensiva di questi soggetti.

I pazienti affetti da Covid-19 che presentano un quadro più grave e che richiedono il ricovero in ospedale e in terapia intensiva possono essere colpiti da una ‘tempesta citochinica’, una risposta immunitaria esagerata messa in atto dall’organismo per difendersi dall’invasione del patogeno. Tra i principali responsabili del rilascio di citochine, molecole implicate nel processo di infiammazione, vi sono i macrofagi M1, cellule che, quando si attivano, consumano esclusivamente glucosio.

Una dieta chetogenica, che prevede una notevole restrizione dell’assunzione dei carboidrati (o zuccheri), potrebbe risultare promettente, poiché consentirebbe di controllare e limitare la produzione delle citochine, in grado di scatenare, se prodotte in quantità eccessive, la cosiddetta ‘tempesta citochinica’.

Agosto 2020 ~ Antonio Rea. 

Dieta low carb e Diabete Mellito

Created with Sketch.
Dieta zona low carb

Il diabete mellito è una patologia caratterizzata essenzialmente da un alterazione del metabolismo dei carboidrati, pertanto la dieta rappresenta parte integrante per la sua prevenzione e gestione.  La Canadian Diabetes Association ha recentemente pubblicato un nuovo documento a supporto delle diete povere di carboidrati come opzione efficace per la gestione del diabete di tipo 1 e di tipo 2.

Carboidrati e rischio cardiovascolare

Created with Sketch.
Dieta zona low carb

Una sola bevanda zuccherata al giorno può aumentare in modo significativo il rischio di avere una malattia cardiovascolare, di dover ricorrere a un’angioplastica o di andare incontro a un ictus. Lo dimostra uno studio imponente iniziato nel 1995 e condotto dai ricercatori dell’Università di San Diego, in California La ricerca ha coinvolto oltre 106 mila donne ed è apparsa sul Journal of the American Heart Association. 

Gli autori sottolineano che lo zucchero fa aumentare l’insulina in circolo e questo stimola l’appetito, facilitando l’assunzione di calorie in eccesso e, di conseguenza, il rischio di sovrappeso e obesità, fattori di rischio ben noti per queste patologie. Inoltre livelli elevati di zuccheri circolanti causano infiammazione, stress ossidativo e resistenza all’insulina, condizioni strettamente legate all’aterosclerosi. 

L’American Heart Association consiglia di non superare un quantitativo giornaliero di zuccheri pari a 100 calorie (6 cucchiaini da tè o 25 grammi) se si è donne e 150 se si è uomini (9 cucchiaini da tè o 38 grammi)​ : una lattina di una normale bevanda zuccherata americana da 350 ml ne contiene​ ​130,​ ​cioè 34 grammi di zucchero. 

13 maggio 2020
Fonte https://doi.org/10.1161/JAHA.119.014883Diario dell'American Heart Association. 2020; 9 

La Dieta influenza il microbioma intestinale che a sua volta influenza i risultati del trattamento del cancro

Created with Sketch.
Dieta a zona

Il cibo si dimostra essere ancora un volta un potente "farmaco".
Ciò che mangiamo può influenzare l'esito della chemioterapia - e probabilmente molti altri trattamenti medici - a causa degli effetti a catena che iniziano nel nostro intestino.
Nature Communications , 2020; 11 (1) DOI: 10.1038 / s41467-020-16220-w

Ciò che mangi è importante, così come quando mangi.

Created with Sketch.

Ciò che mangi è importante, così come quando mangi.
Un nuovo studio suggerisce che cenare tardi non fa bene alla salute.
Volontari sani sono stati assegnati, in modo casuale, a due gruppi, uno con cena alle 18:00
e una piccola merenda alle 22:00, e l'altro con piccola merenda alle 18:00 e cena alle 22:00.
Entrambi i gruppi hanno fatto colazione il giorno successivo alle 8:00 del mattino.
La loro cena è stata del 50% di carboidrati, 35% di grassi e 15% di proteine.
Entrambi i gruppi hanno dormito in modo simile.
Il gruppo che cenava tardi ha visto un significativo aumento di zucchero nel sangue con un
picco più alto (150 mg / dl) rispetto al gruppo che cenava prima (127mg/dl).
Inoltre, il gruppo che cenava tardi ha visto la glicemia rimanere elevata per quattro ore in più!
Il gruppo che cenava tardi ha avuto un aumento di glucosio significativamente più elevato
dopo la colazione rispetto al gruppo che anticipava la cena.
Questa è una scoperta molto interessante in quanto suggerisce una resistenza all'insulina
sostenuta dopo una cena in tarda serata.
Il gruppo che cenava tardi ha visto un aumento maggiore dei trigliceridi nel sangue, un
aumento dell'ormone dello stress cortisolo e una ridotta ossidazione degli acidi grassi.
Sulla base di questo studio si può affermare che cenare tardi ha effetti negativi sulla salute. I
ricercatori ipotizzano che la differenza rispetto ai valori bioumorali sarebbe stata ancora
maggiore se il gruppo che cenava presto non avesse fatto uno spuntino in tarda notte e
avesse invece avuto una periodo di digiuno più lungo.
Questo studio suggerisce che quando possibile è meglio cenare prima che troppo tardi, così
facendo la glicemia e i trigliceridi sono meglio controllati.
Cenare tardi induce intolleranza al glucosio notturno e riduce l'ossidazione e la
mobilizzazione degli acidi grassi.
Questi effetti potrebbero favorire l'obesità e le malattie metaboliche.
Antonio Rea
Fonte
The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism , dgaa354,
https://doi.org/10.1210/clinem/dgaa354

Dieta Zona Paleo Chetogenica

Dieta Zona low carb e Chetogenica

Salute, Energia e Dimagrimento

Studio di Consulenza Nutrizionale e Personal Training

Copyright © 2001 - 2021 tutti i diritti riservati.
 È vietata la pubblicazione e la distribuzione dei contenuti di queste pagine 
senza autorizzazione scritta dell'Autore. 
Lo stesso autore non si assume la responsabilità per danni derivanti dall'uso improprio o illegale delle informazioni riportate dagli errori al loro contenuto. 
Il sito ha solo scopo divulgativo, non è motivo di autodiagnosi o di automedicazione, 
non è sostitutiva di consulenza. La dieta è una cosa seria, è sempre necessario consultare, INFORMARE e coinvolgere, il medico di base e/o specialista prima di modificare le abitudini alimentari.